Dedicato a mia madre

a mia moglie

e a tutte le mamme

 

    Il buon Dio aveva deciso di creare la Madre.

Aveva lavorato attorno a questo progetto già da sei giorni,

tanto che un angelo gli disse:

"Te ne sta facendo perdere di tempo questa madre"

    E Dio:

"Si, è  vero, ma tu conosci le caratteristiche che deve

avere questa mia creatura!

Deve avere molta capacità di esistenza,

deve funzionare a caffè e ad avanzi del giorno precedente,

deve avere poco bisogno di sonno,

deve avere un bacio capace di guarire tutto,

da una gamba rotta ad una delusione d'amore....."

    "Signore ---- fece l'angelo, sfiorandogli leggermente

un braccio ---- và e riposati, sei stanco, domani è un altro giorno".

    "No ---- rispose il Signore ---- ormai ho finito;

debbo soltanto collaudare un modello che mi sembra

abbastanza riuscito:

guarisce da sola se è ammalata,

si ricarica di energia anche quando tutto crolla intorno,

sa togliere spine e cambiarli in petali fragranti,

sa sorridere anche se calpestata e infranta.

    L'angelo girò lentamente intorno al modello di madre

e lo esaminò con attenzione.

"è troppo tenera"

disse, poi, con un sospiro.

    "si, ma è resistente" ribattè, sicuro , il Signore,

"tu non sai quello che potrà sopportare questa mamma!".

    "Sa pensare?" ---- chiese l'angelo.

    "Non solo, ma sa fare anche un buon uso della ragione,

inventare l'impossibile premendo un bottone sul cuore".

    A questo punto l'angelo si chinò sul modello di madre

e passò un dito sulla guancia.

"Ma .... Signore ---- esclamò ---- qui c'è una perdita!"

    "Non è una perdita" lo corresse il Signore

"è una lacrima!"

    "E a che serve" chiese l'angelo.

    "serve per esprimere gioia, tristezza, delusione, solitudine, dolore ...."

    "Sei davvero un genio! " esclamò l'angelo.

    Con sottile malinconia. allora, Dio, accarezzando la mamma disse:

"a dire il vero, quella lacrima non l'ho inventata io:

è un palpito nascosto che sale dal cuore.

E deve essere così"...................

 

Precedente ] Home ]